DAI LO SPRINT AL METEABOLISMO
5 Agosto 2019
QUEL QUALCOSA IN PIÙ
25 Settembre 2019

Ossa Forti

Rappresenta un problema per 5 milioni di italiani, in prevalenza donne. Ma se la diagnosi di osteoporosi spesso arriva tardi, la prevenzione è alla portata di tutti. Dall’alimentazione allo sport, passando per l’indispensabile vitamina D, ecco come. 

Colpisce quando è troppo tardi. E non se ne parla abbastanza, riducendola semplicemente a un problema legato al post menopausa. È l’osteoporosi, la patologia che mette fuori gioco le ossa. Responsabili sono le citochine, particolari molecole che fanno dialogare i gruppi cellulari preposti al governo del ricambio del tessuto osseo mantenendolo in salute. Quando non funzionano a dovere si genera uno scompenso che porta alla fragilità dell’osso, con il rischio di fratture, anche per traumi di poco conto. In Italia ne soffrono circa 5 milioni di persone, poco più dell’80% sono donne (fonte Aifa, Agenzia Italiana del Farmaco) e si registrano circa 100.000 ricoveri all’anno per fratture del collo del femore in seguito a osteoporosi. Dati che in futuro, con la maggiore aspettativa di vita, sono destinati ad aumentare.

Non è un problema (solo) per donne

Le ossa si irrobustiscono al massimo fin verso i 20-22 anni e già dai 35 in poi la loro solidità inizia a diminuire. Per mantenerle sane e forti occorre adottare uno stile di vita adeguato. Non a caso, tra i teenager cui viene diagnosticata l’anoressia, si rileva il 66% di probabilità in più di incorrere in fratture, nei primi 18 mesi di malattia. In età avanzata a determinare la fragilità delle ossa è solitamente un depauperamento fisiologico di massa ossea, che, per quanto riguarda la popolazione femminile nella fase post-menopausale, è causato dalla carenza di estrogeni. Esistono però anche patologie come quelle endocrine, gastrointestinali, del sangue che possono portare all’osteoporosi. Da non sottovalutare poi fattori di rischio quali fumo, alcol, caffè, magrezza eccessiva, un’alimentazione carente di calcio, la sedentarietà e alcuni farmaci.

Estratto della rubrica “Salute” della rivista PesoPERFECTO n°46

Condividi SchedaShare on FacebookTweet about this on Twitter

Lascia un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi